Metodi efficaci per evitare la perdita dei capelli

La calvizie è un problema molto diffuso tra la popolazione (soprattutto maschile: ne soffrono 8 uomini su 10) e per molti rappresenta un grave motivo di disagio e depressione. Proprio per evitare di andare incontro a disturbi di natura psicologica, è necessario correre quanto prima ai ripari. Vediamo nel dettaglio come è possibile contrastare in maniera efficace il diradamento e la perdita dei capelli.

La calvizie è un disturbo che colpisce per lo più gli uomini di età compresa tra i 18 e i 25 anni, ma non mancano anche numerosi casi di donne affette dalla medesima problematica. In realtà esistono diversi tipi di calvizie, come, ad esempio, quella psicogena, quella androgenetica (ovvero causata da fattori genetici e ormonali) o quella determinata da un certo stile di vita. Ad ogni modo alcune terapie sono comuni, mentre altre si adattano alla specifica forma di calvizie da cui il paziente è stato colpito.

Se si desidera una consulenza professionale per combattere in maniera definitiva la calvizie, consigliamo di dare un’occhiata al Sito Cesare Ragazzi

Calvizie: ecco i rimedi naturali

È possibile combattere la calvizie ricorrendo a dei semplici rimedi naturali? Le soluzioni green, in effetti, possono essere efficaci qualora la calvizie sia di tipo temporanea, ovvero legata a un particolare momento di vita dell’individuo (eccesso di stress, assunzione di particolari farmaci, la menopausa per le donne o uno stile di vita non proprio sano). Tra i principali rimedi naturali segnaliamo i seguenti:

Avocado: questo frutto riduce i radicali liberi presenti nel sangue, i quali sono i principali responsabili della calvizie negli uomini. È possibile sia mangiare l’avocado, sia centrifugarlo e utilizzare il suo succo insieme all’usuale detergente per capelli.

Aloe vera: l’estratto di aloe è un ottimo rinforzante della capigliatura, dalle punte alle radici. Lo si può utilizzare a livello topico oppure assumerlo per bocca.

Zenzero: favorisce il corretto funzionamento del microcircolo e, di conseguenza, rigenera le unità follicolari chiuse o improduttive.

Calvizie: ecco le soluzioni definitive

Nel caso in cui, invece, il soggetto sia affetto da calvizie patologica, non esiste rimedio naturale che tenga. In tal caso è possibile optare per le seguenti soluzioni definitive:

infoltimento di capelli tramite protesi su base polimerica: in questo caso si realizza una protesi che riproduce le caratteristiche fisiognomiche della nuca del paziente; su di essa vengono innestati capelli naturali che presentano le medesime caratteristiche della capigliatura del ricevente;

autotrapianto di capelli: le principali tecniche utilizzate sono la FUT (denominata anche strip) e la FUE; la prima prevede il prelievo di una striscia di pelle del cuoio capelluto, da cui vengono estratti i follicoli piliferi. Questi ultimi, in un secondo momento, vengono impiantati sulla zona del capo colpita da calvizie. La FUE, invece, è un intervento meno invasivo, m molto più lungo. Le unità follicolari, infatti, vengono direttamente prelevate dalla zona nucale colpita da diradamento o da totale perdita di capelli. Questo metodo prevede l’utilizzo di uno strumento denominato punch, ovvero un sistema pneumatico di aspirazione e pressione.